[Speciale] Akira Yamaoka – report da Parigi

– Love Psalm (Book of Memories)
Akira chiama Mary Elizabeth McGlynn sul palco ricevendo anche lei una calorosa accoglienza. La Mary fin da subito mostra tutta la sua solarità e simpatia instaurando un contatto diretto con il pubblico e rivolgendosi in lingua francese con un altisonante: “Bienvenieu a Silent Hill!”. Come succede in qualsiasi evento in cui c’è un artista particolamente venerato, è inevitabile che qualsiasi cosa dica Mary il pubblico risponde con ovazioni, grida e fischi festaioli. Il debutto di Mary è con un brano recente: il rifacimento di Love Psalm, originariamente pezzo strumentale di Silent Hill 2 e ricoverizzato in versione cantata per la colonna sonora dello scellerato Silent Hill: Book of Memories.  L’ottimo brano mostra subito la perfetta alchimia di tutti i musicisti e soprattutto la gioia di suonare: non si limitano a suonare ma si divertono a farlo con soprattutto Akira a fare movenze e pose da perfetta rockstar. Mary dla canto suo non tradisce le attese: la voce è quella, sempre quella, sempre riconoscibile, sempre il solito mix tra classe e grinta che piace tanto ai fan.

– Silent Scream
Brano composto per la colonna sonora di un’altra opera scellerata (Silent Hill: Revelation), Silent Scream è una canzone onesta e valida ma che non eccelle particolarmente. Probabilmente penalizzata non solo dall’opera da cui è tratta ma anche da ingiustizie temporali (fosse stata parte di un capitolo dei videogiochi avrebbe avuto una accoglienza migliore). Non è un caso che tra il pubblico non c’è molta presa e solo quando parte la parte del brano che fa “laaaa la la, la laaaa la laaaaa la laaaaa” Mary prova a coinvolgere il pubblico che risponde comunque timidamente. A fine brano, Mary “bacchetta” il pubblico perchè lo vede poco partecipe a cantare, tuttavia non ha calcolato che i brani eseguiti finora sono di produzione recente e per nulla classici: era chiaro che quella fosse una canzone carina e ben eseguita ma che, a differenza del resto della scaletta, non aveva spazio nel cuore dei fan. Akira rimane comunque sempre grintoso con la sua chitarra e questo si fa sempre apprezzare.

– Waiting for You
Brano facente parte delle OST di Silent Hill 4 (ma non inclusa nel gioco), ci pensa Waiting for You a far risvegliare gli animi del pubblico che si risveglia in una orgia delirante. E’ il primo dei brani storici e perciò qualcuno del pubblico finalmente riesce a cantare e a partecipare attivamente. La chitarra di Akira continua a essere ipnotizzante e ad ogni assolo (soprattutto quello a fine canzone) è una festa. Grande emozione e commozione per un brano a cui sono molto affezionato e che anch’io non ho esitato a cantare.

– Tender Sugar
Altro brano di Silent Hill 4 molto amato dal pubblico per lo stile “sporco” e decadente che ben si sposa con il gioco. Atmosfera meno gioiosa rispetto al brano precedente e, soprattutto sul noto assolo a metà canzone, ho tremendamente faticato a trattenere l’emozione: sono brani storici e che fanno parte di un periodo che ci videoludicamente parlando (e non solo) ci ha segnato. Sono sicuro che molte persone in sala hanno avuto la stessa sensazione.

This entry was posted in Speciale and tagged , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.